Per fare un tavolo ci vuole un foglio

Nel 2001 lo studio Barber & Osgerby, continuando la propria ricerca sulle possibilità del compensato curvo, disegna lo Shell Table per Cappellini.

Flight Stool

Sgabello Flight disegnato da Barber & Osgerby per Isokon anno 1998. Nel tema della semplicità si inserisce il secondo oggetto per Isokon: uno sgabello in legno compensato. Riproposto successivamente nei colori Pantone.

Miniscule, una sedia

Presentata in occasione del Salone del Mobile 2012 presso lo showroom di corso Garibaldi a Milano, la seduta minuscule si aggiunge alla collezione di pezzi iconici e senza tempo del brand danese Republic of Fritz Hansen. Durante la Design Week di Milano, passeggiando per corso Garibaldi ci si imbatteva in un piccolo container, parcheggiato proprio davanti allo showroom Republic of Fritz Hansen. Dallo sportello sul retro, lasciato aperto apposta a tentare la curiosità dei passanti, si poteva osservare un artigiano tutto dedito a realizzare in tempo reale alcuni esemplari della nuova sedia minuscule, progettata da Cecilie Manz per l’azienda danese. Basta questo aneddoto a illustrare il concept alla base di minuscule, che Republic of Fritz Hansen definisce “una sedia formale per un’ambientazione informale”: l’estetica semplice e l’esaltazione del dettaglio manifatturiero fanno di minuscule un arredo incisivo ma discreto, tant’è che il suo nome è scritto tutto in lettere minuscole. Ma l’associazione tra minuscule e l’artigianato non è appannaggio della comunicazione di prodotto, dal momento che risale alla stessa concezione della sedia da parte di Cecilie Manz. Il suo processo creativo parte infatti dalla manipolazione diretta e incondizionata di vari materiali, come ha spiegato lei stessa: “Per me, il progetto prende […]

Tavolo Arc, disegnato da Forster&Partner per Molteni

Il tavolo di cristallo Arc, disegnato da Foster&Partner per Molteni&C, é sorretto da una base prodotta con uno speciale cemento.

Molteni crede in Ron Gilad

A quanto pare il produttore italiano Molteni crede nel lavoro di Ron Gilad. Infatti realizza Nuovi prodotti e una mostra a Tel Aviv   La memoria infinita di Ron Gilad 15.04.2013 Tel Aviv La forma la costruzione il disegno o il sentimento il feeling l’accoglienza? Domanda troppo semplice per una personalità complessa. Per saperne di più l’appuntamento è al Tel Aviv Museum of Art – luglio 2013 – con la mostra Il logico, l’ironico, il metaforico, l’assurdo. Per Ron Gilad, la casetta bianca con il tetto rosso il comignolo e il caminetto – l’icona-installazione della sua prossima grande mostra che aprirà il 9 luglio 2013 al Tel Aviv Museum of Art – sarà house e home. L’archetipo della casa, l’idea filosofica. Luogo di coabitazione degli opposti, quelli che lui fa convivere con ironia e allegria in cornici e specchi, lampade e tavolini, librerie e letti, cuscini e armadi. Ma anche in quelle esili eroiche sculture poetiche e struggenti che in sequenza escono dai muri, dagli sketch che sbucano dai fogli, dalle linee rigorose come stilettate che si muovono nello spazio. Interrogante ma mai cupo, leggero perché profondo, Gilad volteggia sui paradossi con grazia e sapienza – e non potrebbe essere […]

Un esercizio di design

Ron Gilad, Dining e coffee table Designer nato a Tel Aviv nel 1972 e con studio a New York gioca con il concetto di design e di memoria. Così Dining table e Coffee table ricordano cortine edilizie (c’è addirittura una porta !). Non importa se il piano è trasparente oppure opaco, quel che conta è l’evocazione.